CALENDARIO EVENTI
Sabato 3 Novembre
Carlotta Pedrazzi, Tommaso del Mastro, Michele Bortolami
immagini
Raccontare per immagini

Quando incontriamo qualcosa che ai nostri occhi risulta familiare, questo diventa subito più semplici da riconoscere, recepire e memorizzare.

Sabato 3 Novembre
Umberto Guidoni, Gabriele Ricchiardi
costruire
Progettare, costruire, andare, capire. Conversazioni sulla scienza e la tecnologia dell'esplorazione spaziale

Dopo 30 anni, gli Shuttle che hanno solcato gli spazi fanno bella mostra di sé nei musei. Finita la corsa verso la Luna, la NASA ha puntato su questinuovi veicoli per portare in orbita astronauti, satelliti ed esperimenti scientifici. E’ stata una rivoluzione tecnologica che ha aperto le porte dello spazio ad una nuova generazione di astronauti che hanno imparato a vivere e a lavorare in condizioni di assenza di peso. Il miglior tributo da tributare allo Space Shuttleè di descrivere una missione a bordo di questa macchina insuperabile.

Sabato 3 Novembre  Live
Roberto Defez, Matias Pasquali
in
La ricerca in & out: la valigia del ricercatore

Cosa tiene insieme le teorie eliocentriche, il caso Di Bella, gli OGM e la prevedibilità dei terremoti? Fare scienza significa aprire delle finestre che ci permettono di vedere il mondo da nuove angolazioni, al fine di comprenderne meglio le dinamiche.

<
Sabato 3 Novembre
Giuliano Maggi, Cristina Runzo, e Marco Bardessono
medici
E.R. Medici in prima linea

Cosa succede davvero nella “prima linea” di un ospedale? Quali sono i requisiti e le competenze necessarie per svolgere una professione così delicata per la società e, allo stesso tempo, così “nascosta”.

Sabato 3 Novembre
Aldo Scarnera (Dirigente di ISTAT)
Il futuro del lavoro
Il futuro del lavoro

I dati degli ultimi anni sulla struttura professionale dell’Europa a 12, ci dicono che il saldo complessivo dell’occupazione, perfino in un periodo di crisi come quello attuale, continua ad esser dovuto sostanzialmente a due componenti che si muovono in direzione opposta. La prima, in crescita, riguarda complessivamente il blocco delle professioni a qualificazione alta e medio-alta e quello delle professioni qualificate nei servizi. L’altra, in calo, riguarda il complesso delle professioni manuali, qualificate e non, e quella parte delle professioni non manuali a qualificazione medio-bassa.