Chi nasce tondo non può morire quadrato

Tutte le carte geografiche sono sbagliate

Conferenza/Spettacolo con Rodolfo Clerico, Piero Fabbri, Francesca Ortenzio
Voglio partecipare

Quando 

23 ottobre, ore 15:00

Dove 

Palazzo Ducale, Archivio Storico del Comune
piazza G. Matteotti, 10 loggiato minore

Età consigliata 

Da 16 anni

Tipologia e disciplina 

Conferenza/Spettacolo
Matematica, Logica e Informatica

  • Cosa
  • Chi
  • Dove
Nonostante l'eccezionale potere che la matematica ha mostrato di avere nella comprensione del mondo e dell'universo, essa non è in grado di risolvere alcuni problemi apparentemente banali. Le carte geografiche, ad esempio: all'alba del XVI secolo le grandi esplorazioni navali delle potenze europee misero in evidenza la problematica di riprodurre su carta una superficie sferica (in precedenza, le distanze degli spostamenti su terra, relativamente ridotte, non mettevano in evidenza il problema). È emerso come non sia possibile creare una carta geografica esatta, perché è impossibile riprodurre sul piano una superficie sferica salvaguardandone tutte le proprietà. Si deve ricorrere a proiezioni (o meglio una tra le molte possibili), rinunciando ad alcune informazioni. Proprio le esigenze di navigazione decretarono il successo delle carte secondo la proiezione di Mercator, che aveva il pregio di mantenere costante l'angolo delle rotte (e quindi del timone) pur rinunciando alla uniforme rappresentazione delle latitudini. Da qui ad altri limiti curiosi della matematica, come l’impossibilità di quadrare un cerchio, il passo è breve: la conoscenza matematica – e, più in generale, quella scientifica – ha dei limiti? Scopriamolo insieme!

In collaborazione con

Rudi Mathematici

Rodolfo Clerico, laureato in Fisica presso la Facoltà di Scienze M.F.N. dell’Università di Torino. Lavora presso una delle maggiori società di telecomunicazioni, dove si occupa di formazione. Nel 1999 fonda Rudi Mathematici, con l’allonimo di Rudy D’Alembert.

Piero Fabbri, laureato in Fisica presso la Facoltà di Scienze M.F.N. dell’Università di Torino, lavora come analista e project manager presso una società ICT dell’area milanese, operando come consulente informatico presso diversi clienti. Nel 1999 entra in Rudi Mathematici con l’allonimo di Piotr Rezierovic Silverbrahms.

Francesca Ortenzio si trasferisce in Svizzera, dove risiede tuttora, dopo la laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni ottenuta presso il Politecnico di Torino. Ha lavorato presso le maggiori società di telecomunicazioni elvetiche, dove opera tuttora con funzioni tecniche e dirigenziali. Nel 1999 entra in Rudi Mathematici con l’allonimo di Alice Riddle.

Palazzo Ducale, Archivio Storico del Comune
piazza G. Matteotti, 10 loggiato minore