I Big Data nella lotta alla pandemia

Tavola rotonda con Gian Carlo Blangiardo, Giuseppe Ippolito, Antonio Zoccoli, modera Marianna Aprile
Voglio partecipare

Quando 

23 ottobre, ore 18:30

Dove 

Online

Età consigliata 

Da 14 anni

Tipologia e disciplina 

Tavola rotonda
Matematica, Logica e Informatica

  • Cosa
  • Chi
È forse uno tra gli aspetti meno evidenti della lotta all’attuale pandemia, ma lo sforzo mondiale contro la diffusione di Covid-19 poggia anche su risorse e capacità sviluppate in ambiti apparentemente distanti dalla medicina e dalle scienze della vita, che però contribuiscono a rendere possibili l'identificazione di terapie, lo studio degli anticorpi, la conoscenza della struttura molecolare del virus e delle sue mutazioni, la preparazione di vaccini, l'elaborazione di modelli statistici di diffusione e contenimento. Sfide quanto mai complesse che richiedono la gestione in tempi rapidi di simulazioni scientifiche basate su grandi quantità di dati, scientifici e tecnologici: i Big Data. In tale ambito, la risposta della ricerca di base è stata immediata e ha consentito di stringere alleanze e trovare terreno comune per l’individuazione e lo sviluppo di possibili soluzioni. Da un lato, mettendo a disposizione risorse a capacità di calcolo e sviluppando nuovi metodi di analisi dei dati, dall’altro individuando necessità specifiche di calcolo e analisi statistiche per lo sviluppo di terapie e vaccini, o per l’elaborazione di modelli di contenimento e diffusione. Così sono nate le fruttuose sinergie tra l’INFN, l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive (INMI) Lazzaro Spallanzani e l’Istituto nazionale di Statistica (ISTAT), che oggi condividono idee, risorse e progetti di ricerca.

A cura di

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

In collaborazione con

INFN

Marianna Aprile, giornalista, laureata in antropologia culturale all’università La Sapienza di Roma, dal 2010 lavora come redattrice alla rivista Oggi. Ha scritto per diverse testate ed è stata co-conduttrice e co-autrice del talk show televisivo di Rai 3, Millenium. È commentatrice in trasmissioni di dibattito politico-culturale, come Agorà e Otto e mezzo e autrice del libro Il grande inganno, sulla relazione tra le donne e la politica italiana.

Gian Carlo Blangiardo, Presidente dell’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), è professore di demografia presso l’Università degli Studi di Milano “Bicocca” e visiting professor all’Istituto Giovanni Paolo II della Pontificia Università Lateranense. Dal 2007 è membro del comitato direttivo del Centro Studi e Ricerche sulla Famiglia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e dell’Osservatorio Regionale per i minori della Regione Lombardia.

Giuseppe Ippolito è il direttore scientifico dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive (INMI) Spallanzani di Roma e direttore del Centro Collaboratore dell’OMS per la gestione clinica, la diagnosi, la risposta e la formazione sulle malattie altamente infettive. Ha avuto incarichi in numerosi organismi nazionali e internazionali e ha coordinato progetti europei riguardanti la biosicurezza e la preparazione e risposta alle pandemie.

Antonio Zoccoli, Presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), è professore di fisica all'Università degli Studi di Bologna. Svolge attività di ricerca sperimentale nel campo della fisica fondamentale, nucleare e subnucleare ed è stato membro di diverse collaborazioni internazionali. Dal 2005 è membro della collaborazione ATLAS al CERN. Dal 2008 presiede la Fondazione Giuseppe Occhialini per la diffusione della cultura della fisica.

Online
Corso perrone 24