Il gioco d'azzardo cambia (le) menti

I rischi della dipendenza comportamentale

Voglio partecipare

Quando 

25 ottobre - 4 novembre
09:00 - 17:00 lun - ven
10:00 - 19:00 sab - festivi - 2 nov

Dove 

Porta Siberia
Area Porto Antico, 6

Età consigliata 

Da 14 anni

Tipologia e disciplina 

Laboratorio
Comunicazione della Scienza

  • Cosa
  • Dove
Il gioco d'azzardo cambia (le) menti
Le prime testimonianze del gioco d'azzardo risalgono a oltre 6000 anni fa e sono state rinvenute in Egitto, Cina, Babilonia e India. Oggi il gioco d’azzardo ha assunto dimensioni rilevanti e una forte spinta commerciale, percepibile anche dalla pubblicità. Tuttavia, rispetto al passato, ha subito non pochi cambiamenti: spesso è mediato da una macchina, si svolge molto rapidamente e si rivolge sempre più al singolo individuo. I dati dello studio campionario ESPAD indicano che il 40 per cento degli studenti italiani di età compresa tra i 15 e i 19 anni ha giocato d'azzardo durante l'anno. Tra questi, l'11 per cento è a rischio di sviluppare una dipendenza e circa l'8 per cento ha già assunto un comportamento problematico. Il gioco d'azzardo patologico è riconosciuto come dipendenza dai sistemi nosografici internazionali (DSM V - disturbo da gioco d'azzardo). Determina alterazioni psicologiche e cognitive che trovano una spiegazione scientifica nello studio delle caratteristiche neurobiologiche del cervello e delle sue funzioni. La scienza rileva che il gioco d'azzardo è attivato da stimoli e impulsi di natura esogena (visivi, uditivi, tattili, olfattivi e gustativi) e di natura endogena (evocazioni mnesiche e/o sensazioni viscerali). Il laboratorio si propone di informare circa la differenza tra gioco e azzardo, rendendo consapevoli sui rischi della dipendenza comportamentale. Attraverso l'utilizzo di installazioni, attività interattive e di squadra i partecipanti potranno sperimentare i meccanismi che portano lo stimolo a diventare condizionamento, mettere alla prova i propri sensi e comprendere le relative alterazioni psicologiche e cognitive.

A cura di

Azienda Ligure Sanitaria della Regione Liguria - ALISA, CNR - Istituto per lo Studio delle Macromolecole

Porta Siberia
Area Porto Antico, 6

 
Regione LiguriaCNR