Ricerca Made in Italy

Nata in Italia per essere internazionale

Tavola rotonda con Viviana Fafone, Anna Grassellino, Lucio Rossi, Lucia Votano, Antonio Zoccoli, modera Beppe Severgnini
Voglio partecipare

Quando 

22 ottobre, ore 21:00

Dove 

Online

Età consigliata 

Da 14 anni

Tipologia e disciplina 

Tavola rotonda
Fisica e materia

  • Cosa
  • Chi
Guidato da Beppe Severgnini, un dialogo vivace sui nuovi orizzonti della ricerca, che coinvolge scienziate e scienziati impegnati a livello internazionale a spostare sempre più avanti le frontiere della conoscenza sul nostro Universo. Una sfida che poggia saldamente sulla ricerca in fisica di base, la cui storica dimensione internazionale ha assunto oggi le caratteristiche della cosiddetta big science: grandi esperimenti e infrastrutture di ricerca che spingono le tecnologie oltre i limiti attuali, richiedendo investimenti importanti non solo in termini di risorse, ma anche di alte competenze e professionalità di valore. Uno sforzo quotidiano, agevolato dallo sviluppo di tecnologie quantistiche per i computer del futuro, dalle prestazioni uniche del più grande acceleratore di particelle al mondo (al CERN) e dalla possibilità di studiare fenomeni rari, come il passaggio di un neutrino, nei Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’INFN, o le onde gravitazionali con l’interferometro Virgo. Sono collaborazioni scientifiche che coinvolgono moltissimi paesi, tanto da diventare un’impresa mondiale nella quale l’impegno delle singole comunità nazionali si concentra su obiettivi comuni. Imprese scientifiche nelle quali il nostro Paese e i nostri scienziati hanno un ruolo di primo piano, che racconteremo durante questo incontro.

A cura di

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

Viviana Fafone è Professore di fisica della gravitazione all’Università degli studi di Roma Tor Vergata, ha svolto la sua attività di ricerca al CERN, ai Laboratori Nazionali di Frascati dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e allo European Gravitational Observatory. Partecipa all'esperimento VIRGO ed è responsabile INFN del rivelatore Advanced Virgo.  

Anna Grassellino, ingegnere elettronico, è senior scientist e vicedirettrice della Divisione di fisica applicata e tecnologia dei superconduttori presso il Fermilab. Nel 2017, Barack Obama le ha conferito il Presidential Early Career Award for Scientists and Engineers. Nel 2020 ha ricevuto l’incarico di guidare il Superconducting Quantum Materials and Systems Center di Chicago dedicato alla costruzione di computer quantistico.

Lucio Rossi, professore di fisica sperimentale all'Università di Milano e ricercatore al laboratorio LASA dell'INFN, è uno dei massimi esperti di tecnologie superconduttive per gli acceleratori di particelle. Ha guidato per dieci anni il Magnet Superconductor Cryostat Group per LHC, al CERN, e ha diretto, dal 2010 fino al luglio 2020, il progetto Hi-Luminosity LHC per il successivo sviluppo dell'acceleratore.

Beppe Severgnini è editorialista e vicedirettore del Corriere della Sera, per il quale cura il blog e la rubrica Italians e ha diretto il settimanale 7. Dal 2013 contributing opinion writer per The New York Times, ha lavorato come corrispondente estero a Londra, Mosca, Washington DC ed è stato corrispondente in Italia per The Economist. È autore di 17 libri, autore televisivo e radiofonico. 

Lucia Votàno, dirigente di ricerca emerita INFN, già direttrice dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso. Si occupa di fisica astroparticellare; ai LNGS ha presieduto il Collaboration Board di Opera, esperimento che ha dimostrato per la prima volta in modo diretto il fenomeno dell'oscillazione dei neutrini. Nominata nel 2010 Commendatore della Repubblica per meriti scientifici, è ora impegnata nella realizzazione dell'esperimento JUNO nella Cina meridionale.

Antonio Zoccoli, Presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), è professore di fisica all'Università degli Studi di Bologna. Svolge attività di ricerca sperimentale nel campo della fisica fondamentale, nucleare e subnucleare ed è stato membro di diverse collaborazioni internazionali. Dal 2005 è membro della collaborazione ATLAS al CERN. Dal 2008 presiede la Fondazione Giuseppe Occhialini per la diffusione della cultura della fisica.

Online
Corso perrone 24